Cuore di amaretti e cacao.

img_20170205_182050

 

Febbraio sembra essere il mese della pioggia …eppure è molto di più.

E’ un mese di festa, grazie allo spirito del Carnevale e che al tempo stesso include la festa degli innamorati, San Valentino.

Lasciamoci travolgere perciò da coriandoli, cuoricini e romantiche parole. Questo sarà un po’ il filo conduttore delle ricette di questo mese. Ed ecco la prima: cuore sofficissimo di amaretti e cacao.

Ingredienti:
– 3 uova
– 125 grammi zucchero
– 100 grammi amaretti
– 150 grammi farina 00;
– mezzo bicchiere olio di semi;
– mezzo bicchiere di latte;
– un cucchiaio di estratto di vaniglia;
– una bustina di lievito vanigliato;
– 10g di cacao amaro;
– un pizzico di sale

Occorre una tortiera (o uno stampo) a forma di cuore.

Procedimento:

Per prima cosa riduciamo gli amaretti in polvere utilizzando il mixer.

Successivamente montiamo le uova con lo zucchero e un pizzico di sale con le fruste elettriche per 5 minuti.

Aggiungiamo l’estratto di vaniglia, gli amaretti sbriciolati, il latte e l’olio continuando ad amalgamare il tutto con lo sbattitore.

Io ho sperimentato l’olio di semi di soia ed il risultato è stato stupefacente. Ad ogni modo è sostituibile nella stessa quantità con un altro olio di semi, come quello di mais o di girasole.

Setacciamo in un’unica ciotola la farina, il lievito ed il cacao –

Uniamo a poco a poco al composto farina, cacao e lievito setacciati.

Ungiamo con una pennellata d’olio di semi il nostro stampo a forma di cuore.

Inforniamo a 170° per circa 50 minuti.

Il risultato sarà una sofficissima nuvola, leggera anche negli ingredienti, ma dal sapore delizioso.

Annunci

Cinquanta sfumature di tofu.

img_20170202_212645_533

Ecco una ricetta da aggiungere alle mie “cinquanta sfumature di tofu.”. Semplice semplice.

Tofu alla pizzaiola. Lasciatevi sorprendere.

Ingredienti:
– Un panetto di tofu al naturale;
– un cucchiaio di olio e.v.o.;
– uno spicchio d’aglio;
– mezzo barattolo di pomodori pelati;
– origano essicato;
– sale q.b.
– un cucchiaio di capperi;
– un cucchiaio di olive nere.

Tagliamo il tofu in fette sottili e teniamolo da parte.

In una padella antiaderente soffriggiamo l’aglio in un cucchiaio d’olio.

Versiamo i pomodori, schiacciamoli con una forchetta, saliamo a piacere e spolveriamo con tanto origano.

Aggiungiamo il tofu e facciamolo insaporire nel pomodoro per cinque minuti, girando il tofu a metà del tempo.

Il sugo deve restringersi; se dovesse seccarsi troppo possiamo aggiungere giusto un dito di acqua calda.

Per un sapore più deciso io ho aggiunto alla fine capperi e olive, ho mescolato il tutto e ho servito (e mangiato!). Ma possiamo evitare questo passaggio e accompagnarlo alle verdure che preferiamo.

Buon appetito!

Zuppa di cipolle (nostrana).

img_20170130_215143_738

Chiudete gli occhi e pensate a quel piatto caldo, invernale, dal profumo invitante che vi
fa sorridere lo stomaco sempre. Pensate a quel piatto che ogni volta sa stupirvi, nonostante
lo mangiate con frequenza. Pensate a quel sapore, a quella consistenza. Assaporatene il gusto fino in fondo.
Che piatto sarebbe? Quale immagine viene suggerita dai vostri sensi?

Nel mio caso si tratta della zuppa di cipolle.
Non quella classica francese. Ho sostituito la groviera con il parmigiano reggiano, per darle un tocco nostrano.

E’ una zuppa cremosa, buonissima se mangiata fumante, appena uscita dal forno.
Semplice da realizzare, con pochi ingredienti che regalano però un’esplosione di sapori.

Vi ho incuriositi un po’? Prepariamola insieme, per la cena di questa sera magari.

Ingredienti:
– due cipolle dorate di piccole dimensioni;
– un cucchiaio di olio e.v.o.;
– sale q.b.;
– 25 grammi di parmigiano;
– 40 grammi di pane bianco casareccio (…ottimo anche se raffermo!)

Incominciamo grattuggiando il parmigiano e teniamolo da parte.

Mondiamo le cipolle e tagliamole a fette.
Facciamole ammorbidire in padella, prima solo con l’olio, poi aggiungiamo tre dita di acqua calda, per cinque minuti.
Saliamo a piacere.

In un bicchiere d’acqua stemperiamo un cucchiaino di farina 00.
Versiamolo in padella e lasciamo cuocere la cipolla per quindici minuti fino a che non risulterà morbidissima, quasi disfatta.

Accendiamo il forno a 200 gradi. Lasciamolo riscaldare.

Sul fondo di una pirofila disponiamo il pane. Al di sopra creiamo uno strato con metà del parmigiano grattuggiato in precedenza.
Copriamo con le cipolle e infine con il parmigiano rimasto.

Inforniamo per 10 minuti (o 15 a seconda del forno) fino a che non si sarà formata al di sopra una crosticina croccante.

Non so a voi, ma a me è venuta fame. Buon appetito!

 

Altro che avanzi.

img_20170126_214730_712

Una nuova settimana è iniziata. Iniziamola con leggerezza …anche a tavola!

Che pranziate a casa vostra o in ufficio, ecco un’idea per un’insalata che ho sperimentato l’altra sera per dare nuova vita a degli avanzi di verdure. Perfetta per la pausa pranzo: insalata di rinforzo rivisitata e vegan.

E’ un piatto tipicamente invernale, perciò capiterà sicuramente anche a voi di avere queste verdure avanzate dalla cena prima magari.

Ecco gli ingredienti:

– mezzo peperone rosso cotto nell’aceto di vino bianco;
– 50 grammi di cavolfiore cotto al vapore;
– un cucchiaio di olive nere denocciolate;
– due cucchiai di capperi dissalati;
– un cucchiaio di olio e.v.o.;
– due cucchiai di succo di limone.
– un pizzico di sale.

E’ molto semplice: uniamo in una ciotola tutte le verdure recuperate. Prepariamo a parte un’emulsione di succo di limone e olio extra vergine e irroriamo l’insalata.

Saliamo a piacere. Mescoliamo dall’alto in basso. Gustiamo!

Come avrete notato è una ricetta molto simile a quella della giardiniera, ma più delicata e veloce.

Non male questi avanzi eh? Buon appetito e buona settimana!

Profumi orientali: spaghetti di soia con verdure e fagioli cannellini.

img_20170108_141210_567

Alla ricerca di un’idea per il pranzo di domani?

Eccovene una: spaghetti di soia con verdure e fagioli cannellini.
Un piatto gustoso, dai sapori orientali.

Lo preparate con me?

Ingredienti:
– un cucchiaio di olio e.v.o.;
– 1/4 di scalogno;
– una zucchina chiara;
– una carota;
– due funghi champignon freschi;
– qualche cimetta di un broccolo;
– 100 grammi di fagioli cannellini già cotti;
– un cucchiaio di salsa di soia;
– acqua q.b.
– 50 grammi di spaghetti di soia (una matassa);
– pepe q.b.
– un cucchiaino di semi di papavero.

Riempiamo d’acqua un pentolino e portiamolo ad ebollizione. Vi cuoceremo gli spaghetti.

In attesa che l’acqua bolla prepariamo il condimento.
Per prima cosa grattugiamo la carota e riduciamo la zucchina in strisce sottilissime (io ho usato l’apposito attrezzo che trasforma le verdure in “spaghetti”).

Tagliamo finemente qualche cimetta di un broccolo, i funghi e lo scalogno. Rosoliamo quest’ultimo in una padella oliata.

Uniamo le verdure e cuociamo a fiamma dolce per dieci minuti, unendo poca acqua di tanto in tanto e lasciandola evaporare.

Aggiungiamo i fagioli, un pizzico di pepe, la salsa di soia e mescoliamo, lasciando cuocere per altri cinque minuti, poi togliamo dal fuoco.

Cuociamo gli spaghetti per quattro minuti circa, scoliamo e buttiamoli in padella con le verdure. Mescoliamo.

Infine spolveriamo con i semi di papavero et …voilà.
Il pranzo è pronto.

Buon appetito!

L'immagine può contenere: cibo

Colori d’inverno: Riso Venere in crema di cannellini con verza & carote.

 

img_20170121_142836_490

Lo avrete capito: non sono un’amante dell’inverno.
O perlomeno, non sono un’amante del clima che questa stagione porta con sé.

Il freddo e soprattutto il grigiore di giornate sempre più corte…non fanno per me.

Ma la natura ci offre verdure e ortaggi da colori si più tenui, ma comunque accesi e mescolandoli da loro si possono portare in tavola combinazioni che alla sola vista fanno tornare il buon umore. Che ne dite?

Un’idea può essere questo riso venere in crema di cannellini con verza e carote,cucinato lo scorso sabato.

Lo preparate con me?

Ingredienti:
– 80 grammi di riso Venere;
– 150 grammi di fagioli cannellini già lessati;
– una carota di medie dimensioni;
– 60 grammi di cavolo verza;
– qualche fetta di cipolla bianca;
– un cucchiaio e mezzo di olio e.v.o.;
– 100 millilitri d’acqua (un bicchiere);
– sale q.b.

Portiamo ad ebollizione un pentolino d’acqua e saliamo prima di cuocervi il riso per venti minuti. Questo tipo di riso richiede una cottura lunga, perciò verificate il tempo suggerito sulla vostra confezione ma soprattutto assaggiate.

Nel frattempo laviamo e mondiamo le verdure.
Affettiamo sottilmente la cipolla, il cavolo verza e tagliamo a cubetti la carota.

In una padella oliata facciamo dorare la cipolla. Uniamo la carota e lasciamo cuocere per cinque minuti, aggiungendo mezzo bicchiere di acqua. Aggiungiamo la verza e lasciamo cuocere per altri dieci minuti.a fuoco lento.

Con un frullatore ad immersione frulliamo i fagioli cannellini con un pizzico di sale e un filo d’olio.

Scoliamo il riso, uniamolo alle verdure in padella e alla crema di fagioli. Mescoliamo con un cucchiaio tutti gli ingredienti sulla fiamma accesa, per un minuto.

Serviamo il nostro riso, lasciando un cumulo di verdure in superficie per far spiccare il contrasto nero-colorato.

Non solo è bello. E’ anche incredibilmente buono. Vedrete!

Buon appetito.

 

Un classico (o quasi).

img_20170117_202921

 

Questa sera vi lascio una ricetta sperimentata qualche sera fa.

Si tratta di un classico: la frittata di patate. Ma con un’aggiunta di timo e cuocendola in forno si trasformerà in un piatto gustoso, leggero e soprattutto completo se accompagnato a delle verdure di stagione. 

 

Ingredienti:
– due uova;
– 300 grammi di patate;
– un cucchiaio di parmigiano;
– un cucchiaio d’olio e.v.o.;
– sale q.b.;
– un cucchiaio di timo secco

Sbucciamo le patate e riduciamole in pezzi, non troppo piccoli.

Lessiamole in un pentolino d’acqua bollente, fino a che risulteranno morbide.
Possiamo controllarne la cottura infilzandole con una forchetta di tanto in tanto.

A parte in una ciotola rompiamo e sbattiamo le due uova, a cui aggiungiamo il parmigiano, il timo e un pizzico di sale.

Infine foderiamo una pirofila con carta da forno. Sul fondo disponiamo le patate lesse e ricopriamole con il composto d’uovo.

Cuociamo in forno statico per dieci minuti a 200°, fino a che si formerà una crosticina sulla superficie.

Facile no?

Buon appetito e buon weekend!